"Quali sono gli uomini che preferiscono la monotonia del mare? Sono quelli, mi sembra, che hanno scrutato troppo a lungo, troppo profondamente nel groviglio delle cose interiori per non chiedere almeno a quelle esteriori una cosa soprattutto: la semplicità… Non è il fatto che in montagna ci si debba arrampicare coraggiosamente, mentre al mare si sta placidamente sdraiati sulla sabbia. Ma io conosco il diverso sguardo degli appassionati dell’una e dell’altro. Occhi sicuri, audaci, giocondi, pieni di iniziativa, di coraggio e di risolutezza errano di vetta in vetta; ma sulla vastità del mare che con mistico e snervante fatalismo rovescia sulla spiaggia le onde, si posa uno sguardo sognante, velato, disincantato e pieno di saggezza, che è già penetrato profondamente in qualche intrico doloroso. Salute e malattia: ecco la differenza. Ci si inerpica arditi nella meravigliosa molteplicità delle vette dentate, frastagliate, dirupate per mettere alla prova un’energia vitale non ancora spesa. Ma si cerca riposo nella vasta semplicità delle cose esteriori, stanchi come si è della confusione di quelle intime."

Thomas Mann - I Buddenbrook

therumpus:

Corrections by Grant Snider

therumpus:

Corrections by Grant Snider

(via booksandpublishing)

diddy-wah-diddy:

diddy-wah-diddy:

Self care 101 

Okay reblogging this again because this scene literally changed my life

(via oldfilmsflicker)

(Fonte: hyperboleandahalf.blogspot.com.au, via eversodarling)

(Fonte: brightwalldarkroom, via oldfilmsflicker)

tarkovskologist:

Control (2007) Dir. Anton Corbijn

tarkovskologist:

Control (2007) Dir. Anton Corbijn

lady-sometimes-records:

Siamo felici ed orgogliosi di presentarvi la nostra prima pubblicazione. <3

We’re proud and happy to introduce our first release. <3

(Fonte: youtube.com)

"La vita era mutevole, instabile, incerta. Niente durava. Un torrente implacabile trascinava via gli esseri cari, le giornate serene, li portava lontano, li catturava per sempre. Un brivido di angoscia assaliva all’improvviso la bambina seduta in un angolo, sola, tranquilla, con un libro in mano; le sembrava di percepire tutta la solitudine che c’era nel mondo; la camera diventava ostile e terrificante; oltre il piccolo cerchio della lampada regnavano soltanto le tenebre, che avanzavano strisciando verso di lei. L’ombra l’assaliva e la soffocava, e lei la scostava a fatica, come chi nuota respinge l’acqua con le braccia tese. Un raggio di luce che filtrava sotto una porta le gelava il cuore. Scendeva la sera, e Mademoiselle Rose non c’era ancora… Non ci sarebbe stata mai più…"

Irène Némirovsky - Il vino della solitudine

An innocent man has nothing to fear, remember that.

The Wrong Man (1956), dir. Alfred Hitchcock.

(Fonte: robredford, via graceslicks)

"What a play!"

Arsenic and old lace - Frank Capra

(Fonte: bellecs)

A Woman Under the Influence (1974)

(Fonte: andreii-tarkovsky)

"Cassavetes himself thought Gena Rowlands actually was “losing it”  during the first take of the scene where she is begging not to be separated from her children. He got so upset he called CUT, threw down his camera and ran to her side.

(Fonte: tarkovskologist, via tarkovskologist)

lapitiedangereuse:

Blow up 

lapitiedangereuse:

Blow up 

hellstarfantasy:


Synecdoche, New York

hellstarfantasy:

Synecdoche, New York